Santi Cosma e Damiano - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Santi Cosma e Damiano
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: DA VEDERE
 Eventi,Tradizioni:
 Un elemento tradizionale importante è un capo di vestiario, maschile e femminile, di forte collocazione culturale laziale: le cioce, da cui il nome Ciociaria, sono calzature composte da ampie suole di cuio che avvolgono il piede, fermate alla gamba con delle corregge. Il costume tradizionale femminile include una bianca tovaglia contornata di merletti sul capo, una camicia bianca pieghettata nelle maniche completata da un fazzoletto triangolare al collo, un corpetto nero che sostiene il seno, una gonna nera, un grembiule bianco e "glió pagno", cioè un panno rosso ripiegato a quadrato posto sui reni. Quello maschile dei pantaloni neri alle ginocchia completati da calze bianche, camicia bianca e marsina nera.
 La cucina tradizionale sancosemese predilige sapori particolarmente intensi, ma semplici, come vuole l'origine contadina: tradizionalmente pane, pasta, salumi, formaggi, dolci e vino venivano prodotti in ogni casa dalle singole famiglie, quindi con una scelta accurata degli ingredienti. La laina è il primo esempio: è un impasto di farina di grano duro, acqua e sale, tradizionalmente senza tuorlo d'uova. L'impasto viene allargato a mo' di cerchio per ottenere una sfoglia che viene avvolta e poi tagliata avendo come risultato una sorta di fettuccine larghe e spesse, da condire con sugo ai legumi o con ragù. "Laine e cici" (ceci) sono l'accostamento più tradizionale. Il pane e la focaccia bianca, detta pizza, nella zona sono molto ricercati nella preparazione: utilizzando rigorosamente lievito naturale e forno a legna, sono soffici, compatti, non sciapi e mai friabili; sono la pietanza base contadina, fatti in modo da potersi sposare bene con i più svariati companatici. Il 14-15 agosto si tiene la Sagra della Fresa in frazione Grunuovo. La fresa è diversa dalla frisella per dimensione e impasto (lo stesso del pane locale), ma si prepara allo stesso modo. È un piatto unico veloce e vario da preparare con a scelta pomodori, mozzarella di Bufala, origano e quant'altro il gusto suggerisca.
 Ci sono poi dei piatti legati alle festività: pastiera di riso, anziché di grano come viene preparata nelle località limitrofe, è legata alla Pasqua; piccelatiegli, anche detti susci, prepaprati con farina, acqua, sale e spezie, poi arrotolati e fritti in abbondante olio, sono tipici del periodo natalizio; c'è chi usa accompagnarli con del vino di uva fragola. Sempre natalizie sono le frittelle con baccalà o verdure dette crespelle. Pietanze fondamentali sono direttamente i prodotti della terra, come il melone la cui sagra si svolge in estate ai Cerri.
 A carnevale si tiene il Carnevale sancosimese, che si svolge la domenica di carnevale nel centro storico con distribuzione di salsicce, ed il Carnevale campagnolo, che si svolge il martedì grasso in frazione Campomaggiore con sfilata di carri allegorici; le Contrade, intese come circondari che costituiscono le Frazioni, si sfidano in questa occasione a chi realizza il carro più divertente. Il 20-21 agosto si svolge la Sagra del Melone in frazione Cerri Aprano. Si svolgono diverse manifestizioni legate alle festività dei Santi patroni delle varie frazioni:
31 maggio: Festa di Santa Maria al Monte.
25-26 luglio: Festa di Sant'Anna in frazione Campomaggiore.
9-10-11 agosto: Festa di San Lorenzo.
2a domenica di settembre: Festa della Madonna del Riposo in frazione Ventosa.
25-26-27 settembre: Festa di Santi Cosma e Damiano nel centro storico.
2° sabato di novembre: Festa di San Martino in frazione Ventosa.